Una Scuola per Tutti e per Ciascuno

3 settembre 2009 admin Fragilità, Scuola

(Sumo è aggiudicataria della gara d’appalto per la gestione del progetto/servizio)
Nelle scuole, all’interno di moltissime classi, con particolare incidenza nelle zone disagiate, ogni giorno gli insegnanti affrontano il problema della gestione, dell’inserimento, della scolarizzazione di alunni che hanno delle difficoltà. Tali difficoltà, facilmente riscontrabili nella quotidianità, normativamente non sono “considerate” dalle istituzioni scolastiche e parascolastiche preposte, in particolare dal Centro Medico-psico-sociale che – di solito – interviene limitatamente a patologie conclamate.
In un’ottica di distinzione tra interventi normati dalla L. 104/92 e proposte finalizzate a rispondere ad altri bisogni educativi particolari, il progetto sperimentale “Una Scuola per Tutti e per Ciascuno”, è mirato a sostenere gli insegnanti e le famiglie in modo da:
– facilitare l’inserimento dell’alunno difficile, partendo dalla sua situazione;
– eliminare o ridurre il più possibile eventuali situazioni di disagio;
– aiutare l’alunno nel recupero scolastico, motivandogli ogni progresso;
– aiutare l’insegnante nell’intervento educativo, contattando se necessario anche la famiglia e gli organismi interessati attivi, posti al di fuori della competenza dell’insegnante.

Tipologia del progetto
Presupposto del progetto è la messa a disposizione di un gruppo di esperti che, a partire dall’analisi della situazione, co-costruisca con i docenti una strategia di azioni finalizzate all’integrazione delle diverse situazioni problematiche.
Può essere compito degli esperti anche il contatto con le famiglie e altri servizi interessati.
Le principali tipologie di azione riferite a specifiche problematiche riguardano:
serie difficoltà di apprendimento di base e difficoltà di apprendimento specifiche;
difficoltà comportamentali e relazionali.

Azioni possibili:
Analisi della situazione di partenza (rilevazione problematicità, bisogni, risorse)
Incontri di progettazione, programmazione e monitoraggio con i docenti (scelta delle strategie e pianificazione degli interventi)
Interventi negli organi collegiali programmati e concordati con la scuola
Attività di osservazione in classe
Attività specifiche per le diverse difficoltà (laboratori di recupero, attività in piccoli gruppi, tutorato individuale o a piccoli gruppi)
Incontri e attività per i genitori
Eventuali incontri con la rete dei servizi

Linee Metodologiche
Con i docenti si lavorerà sulla corresponsabilità e coprogettazione, aiutandoli ad attuare una didattica attiva e cooperativa, sulla valorizzazione delle competenze trasversali, sulla personalizzazione dei piani di studio e sull’organizzazione didattica flessibile che preveda la centralità del processo e non solo dei contenuti.
Con gli allievi verranno privilegiate le proposte attive e di laboratorio (individuali, a piccolo gruppo, di classe) atte a recuperare le difficoltà di apprendimento e a favorire la comunicazione e le relazioni tra pari e con gli adulti.
Con le famiglie potranno essere previsti interventi per fornire elementi per la valutazione dei figli, per valorizzare e accrescere le competenze genitoriali e per fornire sostegno psicologico.
Con gli altri servizi potranno essere programmati incontri al fine di favorire un sistema integrato d’interventi e una rete di collaborazioni.

Couldn't resolve host 'urls.api.twitter.com'